Scopo



Lo scopo della nostra associazione è quello di raccogliere le vicende degli italiani emigrati in Egitto che, con il solo ausilio delle proprie capacità, hanno partecipato allo sviluppo sociale economico, culturale, nonché al miglioramento della qualità di vita in Egitto.

Il periodo storico di riferimento è quello che ha visto gli italiani coinvolti nella modernizzazione della terra d’Egitto, dall’inizio dell’ottocento agli anni settanta del novecento.

È indispensabile che tali informazioni siano raccolte senza ulteriore indugio, a più di sessant’anni dall’esodo, in quanto il tempo tiranno minaccia la totale perdita della memoria storica. La gran parte degli attori di quella vita non è più con noi ed è nostro dovere raccogliere tutte le informazioni circa le attività da loro svolte. Lo dobbiamo ai nostri figli.

La presenza italiana è stata significativa sia in termini quantitativi (ha superato le 60.000 presenze appena prima del 1940), sia qualitativi. Il frutto del loro lavoro ha contribuito al progresso del paese

nell’ambito delle opere pubbliche e artistiche, dell’organizzazione e della gestione dei servizi, del giornalismo, della medicina, della musica, del commercio e dell’industria. La nostra colonia benvoluta e apprezzata è stata un esempio di pacifica convivenza con le altre etnie, senza distinzione di religione.

Molti sono i nomi delle persone conosciute ed ancora oggi ricordate da tanti, altri sono ricordati dalla famiglia e dagli amici. Questi ultimi, pur se meno noti dei “grandi”, hanno partecipato con il loro lavoro attento e preciso di anni, alla realizzazione di tante opere; a loro non è toccato né il ringraziamento della comunità, né la memoria dei posteri; proviamo noi a ricordare la loro partecipazione alla costruzione dell’Egitto moderno.

Questo doveroso e gravoso impegno che intendiamo perseguire ha il precipuo fine di divulgare e tramandare alle future generazioni il rilevante contributo offerto dagli Italiani in terra d’Egitto che il tempo non può e non deve oscurare.

Lo scopo della nostra associazione è quello di raccogliere le vicende degli italiani emigrati in Egitto che, con il solo ausilio delle proprie capacità, hanno partecipato allo sviluppo sociale economico, culturale, nonché al miglioramento della qualità di vita in Egitto. Il periodo storico di riferimento è quello che ha visto gli italiani coinvolti nella modernizzazione della terra d’Egitto, dall’inizio dell’ottocento agli anni settanta del novecento. È indispensabile che tali informazioni siano raccolte senza ulteriore indugio, a più di sessant’anni dall’esodo, in quanto il tempo tiranno minaccia la totale perdita della memoria storica. La gran parte degli attori di quella vita non è più con noi ed è nostro dovere raccogliere tutte le informazioni circa le attività da loro svolte. Lo dobbiamo ai nostri figli. La presenza italiana è stata significativa sia in termini quantitativi (ha superato le 60.000 presenze appena prima del 1940), sia qualitativi. Il frutto del loro lavoro ha contribuito al progresso del paese nell’ambito delle opere pubbliche e artistiche, dell’organizzazione e della gestione dei servizi, del giornalismo, della medicina, della musica, del commercio e dell’industria. La nostra colonia benvoluta e apprezzata è stata un esempio di pacifica convivenza con le altre etnie, senza distinzione di religione. Molti sono i nomi delle persone conosciute ed ancora oggi ricordate da tanti, altri sono ricordati dalla famiglia e dagli amici. Questi ultimi, pur se meno noti dei “grandi”, hanno partecipato con il loro lavoro attento e preciso di anni, alla realizzazione di tante opere; a loro non è toccato né il ringraziamento della comunità, né la memoria dei posteri; proviamo noi a ricordare la loro partecipazione alla costruzione dell’Egitto moderno. Questo doveroso e gravoso impegno che intendiamo perseguire ha il precipuo fine di divulgare e tramandare alle future generazioni il rilevante contributo offerto dagli Italiani in terra d’Egitto che il tempo non può e non deve oscurare.